Daniela Coin, Consulente per il Benessere Naturale Olistico

dipendenza-internet

 

UNA SFILZA DI OTTIME DISTRAZIONI

Come molti di voi sanno, sono una gamer. Lo sono da quando avevo una manciata di anni e il mio papà mi portava a giocare col flipper al bar, con SuperMario e lo sono anche da quando c’era l’Amiga 500, il Commodore64, poi il Super Nintendo per poi passare ai giochi su pc gaming. Parallelamente a ciò, intersecati bene bene tra loro, avevo la passione per gli animali. Ma non di quelle passioni che vabbè, mi piacciono gli animali e ho il cagnolino. Io raccoglievo chiocciole, uccellini, lucertole e, sebbene sia ben conscia che non fossero a loro agio rinchiusi, mi piaceva guardarli e studiarli. Poi sono arrivati gli uomini e quindi l’andar girando, cercando di capire come avere un rapporto con costoro che si traducesse in un qualche vantaggio per me.

DISTRARSI DA CHE COSA?

Ebbene, tutto quanto elencato sopra, non è altro che un cercare in tutti i modi di distrarsi. Distrarsi da cosa? Da me. Da ciò che voglio veramente. E per veramente intendo quello che voglio a prescindere dall’indole di compiacere qualcuno. A prescindere dai momenti di svago che, per carità, sono e rimarranno sacri e giusti. Una distrazione dalle cose belle, da quelle belle veramente, che non si trovano nei videogiochi intesi come dipendenza, negli animali intesi come fuga dal mondo degli umani coi quali fatichiamo ad avere relazioni equilibrate. Né negli uomini, intesi come appoggio per affrontare le difficoltà, compagnia per fuggire dalla solitudine, coltura di sentimenti negativi quali possesso e gelosie, sfogo, etc.

DARE IL GIUSTO PESO ALLE COSE

Nulla di ciò che ho elencato rinnegherei e mai rinnegherò, sono dell’idea che giocare, curarsi degli animali, uscire con gli uomini (o qualunque altro hobby abbiate adottato in maniera morbosa) siano attività positive se viene dato loro il giusto peso in relazione alla mia persona considerata nell’intero delle sue potenzialità.
Per fare un esempio: giocare al pc/console/smartphone 5 ore al giorno, chattare su whatsapp e stare a vedere la timeline di facebook per 8 ore al giorno, dedicarsi a chattare, uscire, frequentare persone in modo compulsivo spinti dall’angoscia, sono attività deleterie. Ledono la nostra integrità, la nostra centratura, e tolgono spazio al fluire del nostro genio, alla nostra creatività, alle cose belle, alla gioia di dare in modo disinteressato. Tolgono spazio alla possibilità di impiegarci in una qualunque attività, anche una delle suddette, in modo puro e non spinti dalla paura di restare soli e di perderci in mezzo al nulla.

Felice come un Buddha
La scienza della Mente per vivere più sereni e rilassati

LA PAURA DI VIVERE

Distrarsi dalla vita per paura di sentire qualche tipo di dolore emotivo interiore è un’azione che in fondo non ha poi molto senso, perché è come avere un tumore sulla pelle e coprirlo col correttore. Va da sé che prima o poi ci dovremo fare i conti. E quando capitano quegli eventi che ci spingono a guardare in faccia il timore di vivere, allora nascono le crisi. E le crisi sono sempre una cosa buona, perché ci dicono che c’è qualcosa da migliorare.

Il Gioco delle Emozioni
Liberarsi da rabbia, paura e gelosia

Vi abbraccio tutti quanti, ma proprio tutti.

PS: non vi dico volutamente come risolvere il dilemma. Se vi interessa, ingegnatevi. Se no restate lì… ciaooo!

Liberarsi dai Condizionamenti
A Tu per Tu con la Paura
Vincere le proprie paure per imparare ad amare

 

riga-antica

Daniela Coin

Consulente per il Benessere Naturale Olistico
NATUROPATIA, RIFLESSOLOGIA, PSICOSOMATICA, COACHING, ALIMENTAZIONE

Consulenze per la risoluzione di problemi di natura fisica e psicologica, sviluppo del potenziale individuale, life coach. Esperta in psicosomatica e medicina naturale, alimentazione etica e consapevole, rimedi naturali e conoscenza del Sé.

PUOI RICHIEDERE UNA CONSULENZA ONLINE ATTRAVERSO SKYPE o CHAT FACEBOOK

daniela_coin

Skype “daniela.coin” – E-mail: info@cureolistiche.it – Facebook “Daniela Coin Counselor