👅 Quale Cioccolato posso Mangiare ❓

❗ Il cioccolato crudo e biologico è il cibo ideale ❗

Secondo le ricerche popolari, il cioccolato è il cibo che le donne desiderano di più.

Qualsiasi mistero si nasconda dietro tutto ciò, non c’è fine alla dirompente rinascita del cioccolato. Il consumo di cioccolato nel mondo sta aumentando al ritmo del 3-4% all’anno!

La Svizzera è la prima al mondo come consumo arrivando a circa 10 chili a testa all’anno. I norvegesi e gli inglesi sono al secondo posto, con un consumo medio annuale di 9 chili a persona. Subito dopo vengono i belgi, gli olandesi, i tedeschi e gli austriaci, che ne mangiano più di 7 chili l’anno. Il consumo annuale di cioccolato in Giappone, invece, è di soli 1,5 chili.

“Serbiamo da sempre la speranza che si possa vivere solo di dolci! E ora abbiamo scoperto che tutti i dessert possono essere ricoperti di cioccolato! Pazzesco! Beh, vivere di dessert vi permette di sbarazzarvi dello stress (dopo tutto “desserts” è l’esatto contrario, se scritto e letto da destra a sinistra, di “stressed”, che in inglese significa stressato). “

Il Cioccolato che fa Bene!

Il Cioccolato che fa Bene!
Senza l’uso di latticini e zucchero – 60 deliziose ricette per gustarlo senza preoccupazioni

Voto medio su 8 recensioni: Da non perdere

€ 9,80

L’obiettivo di questo libro è proprio quello di ricongiungere il cioccolato al suo sacro spirito, quello spirito selvaggio dal quale ha tratto origine, l’energia pura del cacao, “il cibo degli dei”.

 

Tutti trarranno beneficio dalle conoscenze che gli autori trasmettono

con questo libro e da ciò che impareranno sull’alimentazione crudista.

ANTHONY ROBBINS (formatore nel settore dello sviluppo delle risorse umane).

 

Oltre 60 ricette originali crudiste, al 100% biologiche, senza latticini e zucchero, che vi permetteranno di sperimentare e gustare il cioccolato in tutta la sua bontà e qualità salutari: dolci al cucchiaio, torte, dessert, budini, gelati e una grande varietà di bevande fredde.

Informazioni utili e immagini per raccontare i miti e le credenze che sono nate intorno all’affascinante storia del cacao e alle sue proprietà.

Il cioccolato che fa bene è un volume unico e “succulento” dedicato al cibo degli dei, per scoprire l’eccezionale e illuminante potere dei chicchi di cacao ed essere trascinati nella magia del cioccolato.

Questo libro nasce dalla collaborazione tra David Wolfe, considerato il guru dell’alimentazione negli Stati Uniti, e Shazzie, la consulente alimentare più all’avanguardia di tutta l’Inghilterra.


Indice del libro

  • Introduzione
  • David
  • Shazzie
  • Le proprietà del cacao
  • PARTE I – IL CACAO
  • PARTE II – PROPRIETA’ SCIENTIFICHE DEL CIOCCOLATO
  • PARTE III – LE PROPRIETA’ ESOTICHE DEL CIOCCOLATO
  • PARTE IV – L’ALCHIMIA DEL CIOCCOLATO

(altro link prodotti al cioccolato RAW qui)

David Wolfe, Shazzie – Introduzione – Il Cioccolato che fa Bene!

Non c’è niente al mondo come il cioccolato. È lussurioso, sensuale, delizioso, appassionato, dona ispirazione, voluttà ed eccitazione a tutti i sensi.

Il Cioccolato che fa Bene! – Le proprietà del cacao

Il segreto per avere cioccolato di qualità super è proprio quello di mangiarlo nella sua forma cruda, allo stato naturale, cioè sotto forma di semi! Quando i chicchi di cacao sono troppo scaldati, miscelati, lavorati, manipolati chimicamente e subiscono l’aggiunta di latticini, perdono le loro qualità nutritive, la consistenza, le proprietà psicoattive, la capacità di nutrire il cervello e altro ancora.

Anche altre proprietà dei chicchi di cacao si perdono con la cottura, come il sapore del cioccolato fondente, gli antiossidanti, le virtù afrodisiache, la capacità di migliorare l’umore e tante altre ancora. La cottura pare responsabile anche di alcune conseguenze negative del consumo di cioccolato, come le allergie o l’eccessivo desiderio di mangiarlo e addirittura la dipendenza.

 

Sai come viene prodotto veramente il cioccolato? 🍩 👀

Pensate che al giorno d’oggi nell’industria del cioccolato, i chicchi di cacao vengono riscaldati in grandi macchine tra i 120 e i 130°C. Dopo la tostatura, i semi vengono raffreddati e passati attraverso rulli per essere sminuzzati in modo da separare la pelle dal seme interno. Da appositi soffioni escono flussi d’aria sulle linee di produzione per eliminare la pelle dai semi tostati. A questo cacao tostato senza pelle viene dato il nome di chicchi, che vengono quindi macinati. Il calore intenso delle mole liquefà gli oli del cacao che trasformano i relativi chicchi in liquore di cioccolato, che viene poi messo a raffreddare. Durante la successiva fase del processo produttivo, il liquore di cioccolato viene messo sotto una pressa meccanica. L’olio/burro di cacao (meglio conosciuto con il nome di burro di cacao) viene separato dal liquido, filtrato e raccolto a parte. La restante parte solida viene pressata in blocchi che vengono poi ridotti in polvere (polvere di cacao). Alla polvere viene aggiunto carbonato di potassio come agente alcalinizzante (per stabilizzare il pH) in modo che la polvere risulti solubile in acqua, altrimenti in essa rimarrebbero grumi insolubili. Anche se parlare di polvere di cacao può far pensare a qualcosa di molto semplice, in realtà è molto più complesso di quanto si immagini!

…e come se non bastasse…😧

I mastri cioccolatieri cominciano a questo punto ad applicare le loro alchimie e aggiungono ingredienti diversi per creare ghiottonerie al cioccolato. Occorre considerare che quando si ha a che fare con produzioni industriali su larga scala, il prodotto può venire a contatto con sostanze contaminanti portate da insetti o roditori all’interno dello stabilimento.

La concia serve per mescolare ulteriormente il prodotto e i mastri cioccolatieri la utilizzano per migliorare la consistenza delle loro miscele. Questa fase del processo di preparazione viene chiamato concia perché i macchinari originali avevano la forma di una particolare conchiglia che in inglese viene chiamata “conch”. Una volta che la miscela è stata conciata, viene diluita (o riscaldata a 66°C), quindi raffreddata in uno stampo e gli viene data una forma. Questo processo fa in modo che il burro di cacao non cristallizzi e non comprometta l’aspetto del cioccolato.

La tipica stecca di cioccolato che si trova in commercio contiene una miscela di polvere di cacao alcalinizzata, burro di cacao, lecitina di soia geneticamente modificata, estratto di vaniglia e zucchero raffinato. Il cioccolato al latte contiene latte in polvere che a sua volta contiene sostanze capaci di bloccare l’azione degli antiossidanti e una vasta gamma di residui di pesticidi e residui di ormoni artificiali utilizzati per nutrire gli animali.

Cosa è accaduto al cacao? 😰

A fronte di tutto questo, non c’è da stupirsi se la gente vuole sapere. Cosa è accaduto all’alimento originale, ai chicchi di cacao? La nostra società, la nostra specie, si è spinta troppo oltre a mangiare qualsiasi cosa senza mai pensare alle conseguenze o ai pericoli di cui solo ora stiamo diventando consapevoli; ci siamo ingozzati di ogni sorta di additivi chimici, pesticidi, coloranti, sostanze cancerogene eccetera. Ora abbiamo acquisito una nuova consapevolezza, che ci spinge a tornare alle fonti originarie e ci permette di cercare il cibo vero che sta dietro a tutto ciò che oggi, al di là di ogni ragionevolezza, viene manipolato.

Dopo secoli di manipolazione del cibo, la gente ora è stufa. Oggi stiamo cercando di ritornare alla magia del cibo vero – alla semplicità, a tutto ciò che è originale, coltivato e preparato con amore.

Appello 🔊

È un appello quello che vogliamo lanciare; torniamo al cibo vero che si nasconde dietro tutti gli artifici della cottura, della lavorazione industriale, della pressatura, della concia e della manipolazione. Vogliamo cibo non contaminato, senza additivi chimici, senza ormoni bovini della crescita, senza pesticidi! Vogliamo un cibo vero, integro, preparato con amore, non adulterato, solo così potremo conoscere la verità!

Non viviamo più nell’era industriale. Viviamo nell’era dell’informazione dove tutto è possibile. E Internet aiuta a farlo accadere. Se volessimo, potremmo avere il cibo migliore possibile! Se volessimo, potremmo avere il cioccolato migliore di sempre! Se lo decidete, potete far arrivare fin davanti alla vostra porta di casa il cacao vero e biologico, coltivato con amore!

Vi invitiamo a provare un’esperienza nuova: l’anima del cioccolato puro.

Secondo noi il cioccolato non sarebbe mai dovuto essere adulterato.

Con amore, David Wolfe e Shazzie

 

 

Se vuoi saperne di più, leggi uno di questi libri che trattano di alimentazione sana, bio e naturale:


Leggi anche:

Onnivoro, conosci CHI mangi? di Daniela Coin, Consulente per il Benessere Naturale Olistico Questo articolo ha il solo scopo di sensibilizzare sulla dolcezza e l'intelligenza d...
La Cottura dei Cibi? Guida e Consigli La cottura quanto incide sulla salute? La scelta alimentare migliore è quella di variare la qualità dei cibi che utilizziamo, perché il nostro orga...
CASTAGNE e MARRONI: Differenze, Benefici e Ricette Differenza tra Castagne e Marroni La castagna è il frutto della pianta selvatica, nota anche come “albero del pane”. Quando l’uomo ha deciso di pas...
Il LATTE aumenta il rischio di OSTEOPOROSI Anche l'autorevole sito Save our bones (Salviamo le nostre ossa) distrugge il mito del latte come buona fonte di calcio. Da Harvard, Yale, Penn...
Veganesimo ed Archetipo della Vivisezione di Daniela Coin, Consulente per il Benessere Naturale Olistico Chi mi conosce sa che di norma non pubblico immagini violente, forti, che perseguono...
Alimenti con Vitamina C: tutte le info utili E’ importante conoscere come assumere al meglio la vitamina C. Ecco tutti i consigli da seguire, che sono risultati i più interessanti nella mia pr...
BERE TROPPA ACQUA CAUSA DANNI (Dr. Keki Sidhwa) I danni derivanti dal bere troppa acqua sono spesso sottovalutati. Sentiamo sempre dire "Bevi tanto, fa bene!", ma siamo davvero sicuri che bere tanto...
VEGAN: Lettera aperta al parroco Adriano Cevolotto... Illustrissimo Reverendo, mi chiamo Daniela Coin, sono tecnico-naturopata, vegana da 6 anni; credo in Dio e in Gesù e non credo nell'istituzione della...