eiaculazione-precoce

La prima volta che ho visto questa pubblicità, a mio avviso terribilmente normativa, ho avuto la stessa brutta sensazione che ho ogni volta che in tv si parla di donne che avrebbero un perenne prurito intimo. Come quando c’è chi ti ipnotizza per farti pensare che la priorità della vita per te debba essere toglierti i grammi di cellulite che hai sulle cosce. Come quando leggo di certe multinazionali dello psicofarmaco che vorrebbero farmi pensare che un bambino vivace avrebbe bisogno di restare lì rincoglionito e sedato per vivere meglio.

Ho provato a scambiare due chiacchiere con un amico, provando a capire se sono io prevenuta o se effettivamente c’è qualcosa che non va. Mi dice che l’eiaculazione precoce è un problema, certo, è che se c’è qualcosa che lo risolve tanto meglio.

Chiedo perché mai sarebbe un problema. Finisce che non sa rispondermi. Anzi ad un certo punto parla della soddisfazione della donna. E dunque alla fine sarei io a fare da cartina di tornasole per indicare quel che è giusto o sbagliato nella sessualità di un uomo. Gli dico che se si preoccupa del mio piacere a me non serve che lui arrivi con me, dentro di me, precisamente all’unisono, perché l’affinità sessuale, anche nei casi più disperati, secondo me si trova con il tempo, quando ti senti al sicuro, con l’ansia da prestazione che se ne va, quando non interviene nessun atteggiamento giudicante, dentro o fuori da te. Dopodiché le alternative si trovano, perché tu non sei il mio attrezzo che deve imbottirsi di eccitante per tenere ritto il pene o di rincoglionente per ritardare l’eiaculazione.

La funzione del pene nelle relazioni sessuali è sopravvalutata, colpa di una società sessuofobica che educa al sesso solo in funzione riproduttiva. Colpa di una società maschilista che immagina che la virilità si esprima ancora nella durata, nel machismo a letto, quando in realtà, spesso, trovi partner che fanno tenerezza nel loro sforzo di mimare prove di ruolo machista che non li riguardano. Il sesso in modalità stantuffo, piaccia o meno, lungi da me essere moralista, non è un obbligo, come non è un obbligo per le donne ululare di piacere per segnalare l’avvenuta riuscita dell’azione del partner se non lo vuol fare.

Se il sesso fosse concepito come un attimo di incontro tra due persone, quell’attimo non dipende certo dall’efficienza del tuo pene, ma dall’equilibrio che si instaura, dalla capacità di mettersi in relazione, di mettere in relazione anche i disagi, le incertezze, le ansie, le paure. Se il sesso fosse inteso in quanto forma di comunicazione, una tra le tante, dove lo sforzo è quello di parlarsi e non di dimostrare che il mondo ruoti tutto attorno a te. Se non si pensasse che il sesso, che non è certo tutto etero, dipendesse per intero dalla tua esibizione muscolare, forse, e dico forse, si potrebbe ragionare di forme diverse di riappropriazione di intimità, dove non c’entra la durata di una erezione, la grandezza del tuo pene, perché se qualcuno ti sta dicendo che devi farlo per me allora mente.

A parte che se io vedessi che ti andasse a fuoco il cranio doverosamente mi preoccuperei, dopodiché mi volterei dall’altra parte affranta solo se tu fossi parzialmente scemo. Esistono preliminari, esercizi post-coito, insomma, hai mille modi di darmi piacere se tu ne hai voglia e se anche può piacere avere un orgasmo contemporaneamente non è la fine del mondo se non succede.

Quello che voglio dire è che questa storia si risolve in altro modo, non si tratta di una malattia, non può essere ritenuta tale. Non è possibile che ti rifilino un farmaco del quale leggo cose non precisamente positive e tu allora decidi che sei malato e ti droghi legalmente. Fatti una canna d’erba, allora, se hai bisogno di rasserenarti, non assumere schifezze che procurano dipendenza e che chissà quali conseguenze ti porteranno.

Oltretutto questa storia della malattia diventa una scusa assurda perché interferisce con l’equilibrio della coppia in modo non indifferente. Se domani io ti dicessi che a parte la tua eiaculazione precoce c’è bisogno di fare altro durante il sesso, che possibilità mi dai? Come ti muovi? La medicina ti dice che tutto dipende dal tuo pene eretto all’infinito e quando io ti dirò “finiscila di dir sciocchezze e fammi un cunnilingus” tu mi dirai che sei malato e che non è colpa tua? Aggiungerai colpa alla colpa e smetterai di cercare strade alternative? Ti mortificherà ancora di più sentirti dire che il tuo corpo è queer tanto quanto il mio e che il sesso non deve essere gestito necessariamente come dice la televisione? Possiamo reinventarcelo, scoprirlo, interpretarlo come piace a noi.

Infine chiedo al mio amico: “scusa… ma tu davvero vieni sempre spaccando il secondo con la tua compagna?”. Mi dice no, naturalmente. “E dunque sei malato…?”. E che c’entra, risponde. E c’entra eccome, perché di questo si sta parlando. Allora dimmi, come fate per darvi piacere? Arriva prima lei? Arrivi prima tu? In ogni caso si arriva, conclude lui.

Allora vorrei sapere quante sono le persone sulla faccia della terra che arrivano esattamente nello stesso istante e se non succede vorrei scoprire se davvero tutto ciò viene considerato una malattia.

Comunque sia, tanto per dire, ci sono volte che sono talmente eccitata che mi capita di arrivare prestissimo. Avrò l’eiaculazione precoce anch’io?  🙂

Fonte: Al di là del Buco

Leggi anche:

Sul porgere l’altra Guancia di Daniela Coin, Consulente per il Benessere Naturale Olistico Matteo 5,38-48 38 Voi avete udito che fu detto: "Occhio per occhio e dente per dent...
Come nascono e come si guariscono le malattie? di Daniela  Coin Noi tutti siamo composti da apparati che sono a loro volta composti da organi che sono composti da tessuti e che, infine, sono com...
RELAZIONI MULTIPLE: si possono amare più persone? di Matteo Camorani In questo articolo affronteremo un argomento “tabù”, uno di quelli particolarmente controversi, che fanno più paura e che più ...
Chakra del sesso – Identità emotiva – Demone: Colp... Il 2° chakra Il chakra del sesso, si nutre di emozioni. La sua comparsa segna per l’essere umano l’entrata nel mondo duale. Grazie alla fac...
La vera storia di Lucifero di Matteo Camorani Oggi vorrei raccontarvi la vera storia di Lucifero. Sì, proprio lui: Lucifero, il grande tentatore, la fonte di ogni male. A...
Non seppi mai cosa fosse l’amore.. di Daniela Coin Racconto pubblicato sul blog Racconti Eterei, "Serie AWARE" Torakiki non era ancora rientrato e cominciavo a preoccuparmi. Cammi...
Perché soffriamo per Amore? di Daniela Coin, consulente relazionale • www.verouomo.it   Soffrire per amore sembra essere qualcosa di inevitabile. A tutti, almeno una...
Poesia di una Donna che visse coi Nativi D’A... di Oriah "Mountain Dreamer" Non mi interessa cosa fai per vivere, voglio sapere per cosa sospiri e se rischi il tutto per trovare i sogni del tuo ...