Lo shiatsu e l’approccio orientale per prendersi cura quotidianamente del benessere psicofisico

di Aurora Coletto

shiatsu

Lo Shiatsu (da “shi” = dito e “atsu” = pressione) è una pratica manuale manipolatoria che stimola nel ricevente un processo di autoguarigione (il corpo reagisce da solo).

Attraverso questo trattamento manipolatorio, durante il quale vengono effettuate pressioni sostenenti, costanti e perpendicolari sul corpo del ricevente avvalendosi soprattutto dei polpastrelli, ma anche di gomiti, piedi, ginocchia e palmi delle mani, l’operatore contatta la vitalità (“chi” o “ki”) del ricevente favorendone il suo fluire naturale.

La forza vitale, o “Chi“, è la capacità che ogni organismo vivente ha di mantenere un equilibrio e di mantenere stabili le sue funzioni vitali.

Questa è la definizione di “Shiatsu” che ho liberamente inserito in Wikipedia.

Lo stile di vita occidentale tende sistematicamente a portare il nostro corpo e la nostra mente lontani dal loro equilibrio. I ritmi lavorativi, lo stile di vita sedentario, lo scarso contatto con la natura, l’insufficiente esposizione al sole e all’aria aperta, l’alimentazione sbilanciata e scorretta, l’eccessivo uso degli strumenti telematici e l’isolamento sociale, in definitiva, lo stile di vita occidentale mette a dura prova l’equilibrio di un meccanismo che altrimenti sarebbe perfetto.

In realtà anche se messo alla prova, il nostro veicolo psicofisico escogita sempre le soluzioni più disparate per mantenere il suo equilibrio.

Woman having Shiatsu massageTuttavia questo sforzo costante per il mantenimento dell’equilibrio osteggiato in tutti i modi da abitudini malsane ha un prezzo che alla lunga depaupera il corpo delle sue riserve energetiche che ci fanno invecchiare prima e peggio.

L’arte dello Shiatsu agisce proprio in funzione della massima conservazione dell’energia racchiusa nel corpo favorendone il suo scorrere naturale, facendo sì che questa venga certamente utilizzata (in quanto è a questo che serve una “batteria”), ma che venga consumata in maniera più uniforme e ottimizzandone la resa con un dispendio minimo.

Questo consumo intelligente porta, col trascorrere degli anni e l’avanzare dell’età, ad avere molte più probabilità di arrivare ad 80/90 anni in piena autonomia psicofisica. Incredibile, se pensiamo che per noi occidentali è quasi automatico credere che oltre ad una certa età si finisca inevitabilmente col dipendere da figli, parenti, o strutture per la terza età.

A tal proposito, potrebbe rivelarsi una sana abitudine imparare a dimenticare ciò che crediamo di sapere. Infatti, in Giappone gli anziani sono generalmente autonomi fino all’ultimo giorno di vita, perché tutti (almeno, tutti quelli della vecchia generazione; purtroppo i giovani, avendo il mito dell’Occidente, per loro sfortuna, si stanno occidentalizzando) praticano con regolarità Tai chi, Shiatsu o altre arti che seguono il principio del favorire il flusso del Chi.

Sanno che occuparsi del mantenimento della salute quando è ancora radiante è assai più saggio che preoccuparsi di curare la malattia quando ormai la salute è intaccata. Per loro il benessere di corpo e mente è qualcosa che deve essere mantenuto, preservato quotidianamente.

japanese woman getting Thai massageSecondo il loro modo di pensare le malattie non vanno curate, ma prevenute ogni giorno. Questo è il principio dello Shiatsu e di tutte le arti ad esso affini.

Purtroppo, in Occidente, se qualcosa ci nuoce non ce ne accorgiamo e non provvediamo a cambiare strada il più rapidamente possibile, ma perseveriamo finché non abbiamo prosciugato le nostre risorse per mantenerci in equilibrio. E poi, inevitabilmente, ci ammaliamo.

Se ci viene un raffreddore o l’influenza, malattie yang, rimediare è relativamente facile: un po’ di riposo, alimentazione più leggera, meno stress – perché si sta a casa dal lavoro – e il corpo ritrova velocemente l’equilibrio perduto.

Più arduo è tentare di recuperare di fronte ad una malattia yin, che può rimanere nascosta per mesi, o addirittura anni e che, quando decide di manifestarsi, potrebbe rendere non più tanto semplice recuperare l’equilibrio perduto.

Il guaio è che difficilmente l’essere umano è disposto a cambiare, a rinunciare a ciò a cui è abituato, anche e, in genere, soprattutto quando queste cattive abitudini nuocciono alla sua salute.

Verrebbe spontaneo sospettare che l’uomo abbia tendenze masochistiche. In realtà, semplicemente teme ciò che non conosce, e uscire dalla propria zona di comfort costa un grosso sforzo e sacrificio.

Calf of Shiatsu massageSembrerebbe semplice: se i ritmi lavorativi stressano il nostro cuore, cambiamo e cerchiamo un modo per allentarli, cambiando lavoro o riducendo le ore lavorative; se la mancanza di movimento ci porta a rallentare il nostro metabolismo e ad accumulare grasso, rinunciamo a guardare la TV o a dormire mezz’ora in più al mattino e andiamo a fare una passeggiata al parco; se ci rendiamo conto che mangiamo sempre le solite quattro pietanze, magari senza un buon contorno di verdure (fresche e maturate alla luce del sole e a raccolte nel momento giusto) ricche di Chi, facciamo qualche ricerca, informiamoci, magari andiamo da un bravo nutrizionista e comunque ritagliamoci un po’ di tempo per curare la nostra alimentazione e nutrire il nostro corpo, che fa tantissimo per noi, come merita; se ci sentiamo isolati utilizziamo in modo più proficuo le tecnologie e anziché letteralmente perdere ore della nostra preziosa esistenza a scorrere la home di Facebook o di Twitter, mandiamo un messaggio ai nostri amici e organizziamo una serata in compagnia DAL VIVO.

Quando si sta male è vero che costa molta meno fatica prendere la tachipirina o il moment rispetto al domandarsi le ragioni che ci hanno portati a star male (o meglio ad alterare l’equilibrio del corpo), ma è altrettanto vero che alla lunga il conto è più salato.

Costa molta più fatica, impegno e costanza chiedersi cosa ha fatto sì che questo equilibrio fosse momentaneamente compromesso e ancor di più intervenire per cambiare strada, buttare via moment e tachipirina e pensare a una valida alternativa per mantenere la nostra salute anziché limitarsi a correre ai ripari solo ed esclusivamente quando compaiono fastidiosi sintomi che ci vorrebbero costringere a cambiare (SACRILEGIO!) le nostre rassicuranti abitudini.

29_tai-chi.8ae8d448de49dd21f0f541caa553b1d6

Scegliere di praticare con regolarità shiatsu, tai chi, yoga o altre discipline volte al mantenimento della salute, anziché dedicarsi occasionalmente alla semplice cura, spesso inefficace, della malattia o del disagio psicofisico, è garanzia di un benessere molto più efficace, reale e duraturo, in quanto limitarsi a far tacere il mal di testa con un farmaco potrebbe portare alla lunga ad una reazione ben più violenta del corpo in futuro, il quale altro non vuole che ottenere la nostra totale attenzione per avvisarci che stiamo sbagliando qualcosa nel nostro modo di vivere, e il sintomo è l’unico modo a sua disposizione per metterci in allerta ed evitarci guai ben peggiori.

Feetup - Sedia Yoga
il modo più semplice per la posizione a testa in giù

Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere

€ 139

Bag Futon in Tessuto Nero
Il Futon trasportabile – Disponibile in diverse misure
€ 147

Il corpo che si ammala non è stupido o poco efficiente: più la reazione del corpo è violenta, più è forte il suo desiderio di tornare il prima possibile alla condizione ottimale iniziale.

Il nostro saggio veicolo ci avvisa in mille modi diversi, nostro dovere è imparare ad ascoltarlo con rispetto, a comprenderlo e a scegliere consapevolmente di cambiare di conseguenza.