di Daniela  Coin

cells

Noi tutti siamo composti da apparati che sono a loro volta composti da organi che sono composti da tessuti e che, infine, sono composti da CELLULE.

LA CELLULA, NONOSTANTE POSSA ESSERE A VOLTE SQUILIBRATA DA FARMACI E PENSIERI NEGATIVI, NON PERDE MAI LA SUA CAPACITA’ DI RIEQUILIBRARSI IN QUANTO POSSIEDE SEMPRE E COMUNQUE TUTTE LE INFORMAZIONI UTILI PER RIPARTIRE (VEDI CITOSCHELETRO DELLA CELLULA – da Wikipedia: Il citoscheletro è un sistema di strutture collocate all’interno e all’esterno del citoplasma di una cellula, che nell’insieme ne costituiscono l’impalcatura. Tuttavia il citoscheletro non si limita ad essere un’intelaiatura statica ma è molto dinamico e permette alle cellule di cambiare la loro forma, di muoversi attraverso strutture specializzate quali pseudopodi, ciglia o flagelli, rinforza la membrana plasmatica e quella nucleare, trasporta le vescicole nel citoplasma, permette il movimento di alcuni organelli, costituisce i sarcomeri che permettono la contrazione muscolare, costituisce il fuso mitotico essenziale per la divisione cellulare, sostiene i dendriti e gli assoni dei neuroni ed interagisce con l’ambiente extracellulare.)

L’OMEOSTASI è la definizione, in breve, di una situazione di equilibrio (da Wikipedia: Omeostasi -dal greco “stessa fissità”-, è la tendenza naturale al raggiungimento di una relativa stabilità interna delle proprietà chimico-fisiche che accomuna tutti gli organismi viventi, per i quali tale stato di equilibrio deve mantenersi nel tempo, anche al variare delle condizioni esterne, attraverso dei precisi meccanismi autoregolatori.)

Quando avviene un TRAUMA il nostro corpo innesca immediatamente una richiesta di ENERGIA che porta ad un conseguente stato di INFIAMMAZIONE.
Ad una richiesta di energia, il corpo produrrà energia. La cellula quindi, che fa parte del piano fisico, obbedisce e combina ossigeno con zuccheri per produrre ENERGIA, com’è solita fare. Ma quando una richiesta si protrae a lungo gli zuccheri finiscono e la cellula inizia dunque a combinare ossigeno con grassi in mancanza di zucchero. Questo però produce scarsi risultati a livello energetico, un alto rilascio di tossine nel sangue, e di conseguenza la cellula lavorerà molto per produrre pochissimo a livello di energia. Il PH inizierà a cambiare i suoi valori per via delle tossine presenti nel sangue. Se la richiesta continuerà a protrarsi, la cellula continuerà a produrre energia. Questa volta però cercherà ulteriori grassi nella pelle, finendo per metabolizzare sostanze non adatte alla sintesi richiesta.
Finiti i grassi inizierà a combinare ossigeno con le proteine. La cellula quindi lavorerà moltissimo per produrre quasi nulla di energia con moltissimo scarto. E se non troverà proteine a magazzino inizierà a prenderle dall’’apparato scheletrico, con una richiesta costante di energia da soddisfare in quanto la produzione combinata con le proteine non produce energia ma ne consuma, andando in deficit con conseguente ed ovvio SQUILIBRIO CELLULARE.

La Natura, nella sua infinita saggezza, tende a SELEZIONARE i soggetti più sani e forti e quelli che riescono meglio nell’’intento di sopravvivere fisicamente. Quindi se ad una uguale richiesta di energia un soggetto richiederà “X” energia e un altro richiederà “XYZ” di energia per risolvere lo stesso problema, la natura distruggerà il soggetto meno adatto e cioè quello che avrà impiegato più energie.
Ecco perché un soggetto con tendenza psichica a risolvere “problemi” con un impiego elevato di energie, sarà un soggetto facilmente preda di deficit psico-fisici in quanto il suo corpo, costantemente sotto sforzo, mancherà di energie sufficienti ed andrà ad intaccare l’apparato fisico cercando di ritornare in equilibrio e quindi sottraendo energie per altri processi utilissimi alla nostra sopravvivenza quotidiana.
Un esempio molto semplice è quello che possiamo individuare nell’apparato digerente. Se noi introduciamo del cibo ed avviamo un determinato processo di digestione che richiederà delle energie al nostro corpo e, contemporaneamente, ci lasciamo invadere da pensieri negativi, ci facciamo angosciare da problemi, malesseri etc.. il nostro corpo comincerà a suddividere e ridistribuire le energie a disposizione. Il lavoro di digestione verrà quindi rallentato e complicato. Una scorretta digestione, metabolizzazione ed espulsione è causa di svariate patologie in quanto un “cattivo” sangue non è in grado di alimentare correttamente la nostra macchina biologica. I depositi di tossine che non vengono correttamente smaltiti sedimentano nel corpo, nel caso della digestione sotto forma di fecalomi lungo l’intestino, e rilasciano tossine nel sangue e il ciclo di intossicazione diventa infinito fino a quando non interveniamo su tutti i piani per riportare un equilibrio olistico.

Andrebbe compreso dunque un dato fondamentale: CHI RICHIEDE QUESTA ENERGIA?

riequilibrioOgni forma di ATTACCAMENTO richiede energia per essere gestita. L’’origine di ogni MALATTIA e disfunzione, squilibrio o disarmonia, è sempre e comunque l’’ATTACCAMENTO poiché questo è l’’origine di ogni richiesta SMODATA di energia che porta a disfunzioni cellulari e, quindi, alla malattia.

NON ESISTE NESSUNA DISARMONIA FISICA CHE NON DIPENDA DA UN ATTACCAMENTO!
Si veda a tal proposito l’articolo di riferimento “L’innocente in gabbia” di Paolo Spoladore da cui riporto questa considerazione:
O si considera il trauma come un progresso o farà parte del nostro decesso.

Tutti i traumi accadono perché INCONSCIAMENTE CHIEDIAMO CHE ACCADANO in modo da portarci a MUOVERCI e spostarci da una situazione di SQUILIBRIO nella speranza di ripristinare un equilibrio. La cellula è intelligente e quindi agisce nel migliore dei modi per garantirci la sopravvivenza.
Il TRAUMA quindi è una spinta che cerca di spostarti da quel disequilibrio MORTALE in cui ti sei accomodato, ATTACCATO!
Essendo noi energia elettrica siamo soggetti a poli (SPIN) e ad un cambio di Spin ogni qual volta subiamo un trauma.

Quando giunge un trauma abbiamo due possibilità: AMORE o PAURA.
Normalmente gli esseri umani non accettano quel segnale e dicono NO! al trauma, lo respingono e lasciano vincere l’’attaccamento, il GIUDIZIO ASSOLUTISTICO, e scatta così il meccanismo di ATTRIBUZIONE DELLE COLPE.
Da questa NON ACCETTAZIONE nasce una richiesta di energia per fronteggiare l’’enorme dispendio per l’’attività mentale ed emotiva che mantiene il corpo in costante stato di tensione, conscia o inconscia.
La non accettazione produce SEPARAZIONE, opposizione, e genera di conseguenza energia distruttiva. Squilibrio. Malattia.

Nel momento in cui accetto il trauma, senza giudizio, senza attaccamento per le cose che credo di perdere; nel momento in cui dico “Sì” a quel che la Vita mi riserva ogni istante, le cellule obbediscono all’istante, cessano la richiesta di energia di aiuto e l’’equilibrio si ristabilisce naturalmente in tempi che possono variare a seconda della patologia e del tempo impiegato per formarsi e anche in base alla cura che riserviamo al nostro corpo attraverso il benessere olistico.

L’importanza di trattare i traumi con una VISIONE OLISTICA d’insieme:

La medicina tradizionale allopatica tratta solitamente il disturbo in modo topico cercando di farlo sparire attraverso medicine o interventi chirurgici oppure cercando di anestetizzare il dolore che vuole segnalarci che c’è un problema in corso.
Questo metodo di agire è limitato e porta con sé altri rischi legati alla pericolosità di far tacere il nostro corpo che cerca disperatamente di comunicare con noi. Infatti la guarigione (spesso apparente) su un piano fisico non necessariamente porta con sé anche una consapevolezza interiore. Andare ad agire per sconfiggere o rimuovere il sintomo potrebbe comportare quindi lo squilibrio in un’altra parte del corpo o anche ad un livello psicologico.
Vediamo un esempio:

poniamo il caso che io abbia una ciste alle ovaie e che questa ciste voglia segnalarmi un “senso di marcia” non in linea con l’Universo. Una disarmonia egoica che mi sta portando verso un burrone. Poniamo il caso che io non abbia le conoscenze per comprendere che, forse, quella ciste vuole segnalarmi un mio squilibrio del piano psico-emotivo relativo la maternità e che sia un piccolo segnale che vuole comunicare alla mia intelligenza superiore che probabilmente sto inquinando il corpo a livello psichico con pensieri negativi (esempio “vorrei un figlio ma forse non sono in grado di gestirlo”) e a livello fisico (attraverso farmaci o mangiando veleni in modo del tutto inconsapevole). Ora poniamo che qualcuno intervenga per far sparire quella ciste. O con un intervento chirurgico laser o con una terapia, anche naturale, mirata a far scomparire quella ciste (e quindi subentra la non accettazione di un segnale poiché non viene compreso). La ciste viene asportata ma il problema psico-emotivo non viene risolto e la frustrazione, i pensieri negativi e l’inquinamento del corpo, aumentano. Il passo successivo è abbastanza logico e chiaro: altra malattia, altro segnale. Stavolta però, siccome il precedente è passato inosservato, l’intelligenza infinita del nostro corpo produrrà un segnale più evidente e meno facile da trattare. Ad esempio potrebbe far comparire un tumore. Qualunque cosa pur di comunicare con noi in modo più marcato, più invasivo, nella speranza di essere capito.
Ma, ahimé, pochi conoscono questo linguaggio comunicativo e quasi tutti credono che le malattie vengano dispensate a caso da Dio o dalla sfortuna o, peggio, dalla genetica! (a tal proposito consiglio la lettura del libro “La mente è più forte dei geni” di Bruce Lipton, o la visione dell’omonimo video).

Macrolibrarsi.it presenta il DVD: Le Basi della Biologia delle Credenze

Leggi anche:

Che cos’è l’Ego? (Osho) Come prima cosa, si deve comprendere cos’è l’ego. Un bimbo nasce. Egli viene al mondo senza alcuna cognizione, né coscienza del suo sé. E quando un ...
Perché esiste la Guerra? (Shakti) di Shakti Caterina Maggi Se per un istante smettessi di combattere la guerra e le ingiustizie del mondo noteresti come il tuo combattere non sia mo...
Ode all’eiaculazione precoce La prima volta che ho visto questa pubblicità, a mio avviso terribilmente normativa, ho avuto la stessa brutta sensazione che ho ogni volta che in t...
I 15 migliori film d’animazione e la loro mo... di Daniela Coin, Consulente per il Benessere Naturale Olistico L'oscar al miglior film d'animazione è stato assegnato a partire dal 2002. Ma anche ...
L’interpretazione esoterica dei film Disney di Matteo Camorani Disney è un nome che non ha certo bisogno di presentazioni. Questo colosso dell’animazione ha la responsabilità (nel bene e nel ...
Vivi una Vita di Alti e Bassi? Ecco come vivere in... di Daniela Coin, consulente relazionale • www.verouomo.it La natura dell'uomo è fatta di alti e bassi. Da momenti di gioia, felicità, amore, estasi...
La vita segreta degli Alberi narrata da Peter Wohl... Alla scoperta di un mondo nascosto Cosa mangiano gli alberi? Quando dormono e parlano? Come si riproducono? Perché si ammalano e come guariscono? ...
Riflessioni sul Senso della Vita (Agosti) di Ivo Nardi Intervista a Silvano Agosti    dicembre 2009 Silvano Agosti, regista, scrittore, poeta. Nato a Brescia, appena diplomato parte per Lo...