vergogna

Il chakra dell’ombelico, è anche detto il chakra dell’ego. Questo centro energetico si forma per consolidare il nostro IO interiore prima di cominciare il cammino cosciente nelle relazioni sociali.

Il chakra dell’ombelico è caratterizzato da un forte potenziale energetico e la sua potenza e manifestazione è visibilissima nella vita della società odierna. Le guerre, le lotte di potere, l’ambizione sfrenata, il consumismo, sono tutti effetti di questa enorme forza. L’ego infatti si nutre del potere.

Il diritto di questo chakra è il diritto di avere e di fare e, attraverso esso, si identifica con sé stesso: “Io sono ciò che ho”, “IO sono ciò che faccio”. Ecco dunque l’importanza di una morale, dell’esistenza di limiti, dell’importanza di riuscire ad essere radicati in terra (1° chakra) e di provare emozioni che ci segnino un confine (2° chakra).

Per un centro tanto forte, esiste un emozione altrettanto forte: la vergogna.

Chakra
Manuale pratico per conoscere e potenziare i 12 Chakra principali
€ 19.00

I Chakra
Scoprire e utilizzare i nostri centri di energia sottile
€ 12.50

Vergogna e 3° chakra

La vergogna è forse il demone più distruttivo fra tutti i demoni dei chakra. Quando proviamo vergogna annientiamo il nostro ego, lo rendiamo tanto piccolo quanto più è alto il livello di vergogna percepita. Questa emozione sbarra le porte alla corrente ascensionale della liberazione rinchiudendoci nel nostro IO primitivo.

La vergogna è utile non solo per farci vedere dove sono i confini, ma anche per reagire a essa e dimostrare al nostro ego di essere padroni della situazione. Se ad esempio dovessi vergognarmi dei risultati ottenuti nello sport o nel lavoro, ciò potrebbe spingermi a fare meglio, magari a cambiare prospettiva oppure semplicemente a rimboccarmi le maniche e ripartire. Questa nuova forza e il verificarsi del miglioramento dei risultati andrebbe a nutrire il mio ego rafforzando la stima in me stesso. Stessa cosa se dovessi vergognarmi del mio aspetto. In qualche maniera, da questa emozione dovrei trarre la forza per modificare il problema.

Se per qualche ragione però, un ego umiliato non dovesse trovare la forza e l’energia necessaria per ripartire, ecco che il risultato sarebbe devastante.

La Vergogna
€ 3.50

L’arrendevole

Arrendersi equivale a seppellire il nostro ego, a meno che non ci si arrenda con consapevolezza che, al contrario, è sinonimo di forza.

Una persona con un ego avvilito, è una persona che non è in grado di contare sulle proprie forze e per questo, accetta ciò che gli accade. Questa arrendevolezza peggiora la propria vergogna fino all’autodistruzione del proprio IO. Arrivati a questo punto, ci identifichiamo negli altri e questo ci dissocia totalmente dal sé. La vergogna può portare a una catena senza fine che può tuffarsi nella depressione oppure nell’incoscienza totale e nell’incapacità di prendere decisioni. L’arrendevole si fa guidare, è in grado di affermare qualcosa e subito dopo contraddirsi. Lo si può notare per la sua postura chiusa, testa non dritta, spalle leggermente incurvate in avanti e gambe leggermente piegate.

Metaforicamente, dobbiamo considerare l’ego come un metallo che costituisce la nostra spada. Più questo metallo è duro, più sarà resistente ai colpi che gli verranno inferti. Avere un ego molto forte, non significa essere necessariamente egoisti in quanto l’uso che faremo della spada è dato da altri fattori che derivano dall’equilibrio di altri chakra quali ad esempio il chakra del sesso e il chakra del cuore.

L’arrendevole ha un ego formato da un metallo morbido, duttile e basta poco per fonderlo. Allo stesso modo il suo carattere è instabile, non definito e fragile.

In ambito energetico, i chakra da indagare oltre al chakra dell’ombelico, sono il chakra del sesso, il chakra del cuore e il chakra della corona.

eBook - Arrendersi? Mai!
Il libro che ti cambia la vita
€ 1.99

Non Arrenderti Mai
Come ho trasformato le mie sfide più grandi in successi.
€ 11.50